You are here

Sicurezza e privacy dei dati sanitari nel cloud

People involved

Secondo un'indagine sul cloud della Citrix (una multinazionale americana leader nello sviluppo di applicazioni software per il cloud), nel 2012 la maggioranza delle persone intervistate sul significato della parola "cloud" rispondeva con "una nuvola nel cielo".

Eppure, il cloud promette di essere sempre più importante nella vita di tutti noi cittadini in quanto permette la dematerializzazione e la riorganizzazione della gestione dei dati della pubblica amministrazione.  In particolare, il cloud promette di razionalizzare i centri di elaborazione dati (ovvero le unità organizzative che offrono i servizi di gestione dei dati) ed al tempo stesso di ridurne i costi.  Di conseguenza, appare a portata di mano l'obiettivo di realizzare servizi pubblici efficaci e di qualità.  Non a caso, l'uso di soluzioni cloud da parte della pubblica amministrazione è ormai incluso nelle strategie digitali di molti paesi europei (tra cui anche l'Italia).

Ovviamente, il cloud porta con se non solo opportunità per la pubblica amministrazione ma anche una serie di problematiche in ambiti diversi tra cui spiccano quello della gestione dei dati dei cittadini in maniera sicura e rispettosa della privacy specialmente in ambito sanitario.  Dal punto di vista del cittadino, la domanda cruciale è dunque: cosa posso fare per assicurarmi che i miei dati sanitari vengano trattati con adeguate garanzie per la sicurezza ed in maniera rispettosa delle leggi nazionali e delle direttive europee? 

In questa tavola rotonda, cercheremo di dare una risposta a questa domanda analizzando la situazione da diversi punti di vista: tecnico, giuridico ed amministrativo.

Questo evento fa parte della campagna europea "European Cyber Security Month" (ECSM) il cui suo scopo è promuovere la sicurezza informatica tra cittadini e imprese, migliorare la loro percezione delle minacce informatiche e divulgare informazioni sulla sicurezza e condividere le buone pratiche.

 In Italia la campagna è coordinata dall'Associazione Italiana per la sicurezza informatica (CLUSIT).

Comunicato stampa: https://www.fbk.eu/news/alla-fbk-sicurezza-e-privacy-dei-dati-sanitari-nel-cloud
Articolo su l'Adige.it (20/10/2015): http://www.ladige.it/eventi/agenda/2015/10/20/sicurezza-privacy-dati-sanitari-cloud
Articolo sul Corriere del Trentino (23/10/2015): http://st.fbk.eu/sites/st.fbk.eu/files/si55021.pdf
RTTR Notizie di Giovedì, 22 Ottobre 2015 (tra i minuti 05:10 e 07:33): http://www.radioetv.it/rttr/programmi/item/29-rttr-notizie#monitor

Contacts: 
Organizer: 
Unità di ricerca Security&Trust - Fondazione Bruno Kessler
Location: 
Povo presso il Polo Ferrari (aula A212). Inizio alle 10.30
Programme: 

Relatori:

  • Diego Conforti (Responsabile Ufficio Innovazione e ricerca - Dipartimento Salute e solidarietà sociale della Provincia Autonoma di Trento)
    Accesso sicuro del cittadino: troppo complicato per essere vero. L'esperienza della Provincia Autonoma di Trento (slides)
  • Leonardo Sartori (Responsabile del Servizio Sistemi Informativi dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento)
    L'organizzazione della privacy in APSS e il sistema dei controlli interni (slides)
  • Paolo Guarda (Facoltà di Giurisprudenza dell'Univ. di Trento)
  • Il cielo è blu sopra le nuvole: cloud e sanità elettronica (presentazione Prezi)
  • Rossana Ducato (Facoltà di Giurisprudenza dell'Univ. di Trento)
    App sanitarie e privacy: aspetti giuridici rilevanti (presentazione Prezi)
  • Jovan Stevovic (CEO CHINO)
    Il Cloud come strumento per una maggiore sicurezza e rispetto delle leggi sulla privacy (slides)


    Introduzione di Silvio Ranise


          Diego Conforti                           Leonardo Sartori                    Paolo Guarda                         Jovan Stevovic

 L'intervento di Rossana Ducato